Questo sito utilizza i cookies per consentirti la migliore navigazione. Il sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookies.
Se si continua a navigare sul presente sito, si accetta il nostro utilizzo dei cookies. Clicca qui per visualizzare l’informativa allegata.

Accetta
... è libertà
Cultura
Storie e storia 2020 | Edizione on line

Si terrà on line l’edizione 2020 di “Storie e storia”, il ciclo di presentazioni di libri promosso dal Museo della Guerra con Accademia Roveretana degli Agiati, che ogni anno riunisce storici e studiosi per illustrare le loro più recenti ricerche.


A partire da mercoledì 4 novembre, sei appuntamenti che affronteranno diversi temi, per un arco cronologico che va dall’Ottocento al secondo dopoguerra.


Gli autori e i relatori chiamati ad intervenire, presenteranno al pubblico ricerche e riflessioni su alcuni tra i nodi più significativi della storia del Novecento: lo spostamento forzoso di civili, il rapporto tra storia e memoria, la transizione tra democrazia e totalitarismi.  


Nel programma sono stati inseriti anche alcuni degli appuntamenti previsti nel ciclo primaverile, annullati a causa dell’emergenza sanitaria.


Ad aprire il ciclo sarà il direttore del Museo della Guerra, Francesco Frizzera, che presenterà il volume edito da Il Mulino, Cittadini dimezzati.


I profughi trentini in Austria Ungheria e in Italia. Si prosegue poi mercoledì 11 novembre con Gustavo Corni e la sua ricerca su Weimar.


La Germania dal 1918 al 1933 (ed. Carocci).


Ad arricchire questa edizione di “Storie e storia” ci saranno anche due autori che stimolano il dibattito storiografico: Marcello Flores D’Arcais con Cattiva memoria.


Perché è difficile fare i conti con la storia pubblicato da Il Mulino (mercoledì 18 novembre) e Francesco Filippi con il volume edito da Bollati Boringhieri Ma perché siamo ancora fascisti? Un conto rimasto aperto (mercoledì 25 novembre).


Giovedì 3 dicembre sarà la volta di Francesca Brunet con il volume «Per atto di grazia». Pena di morte e perdono sovrano nel Regno Lombardo-Veneto.


A concludere il ciclo mercoledì 9 dicembre saranno gli studiosi Günther Pallaver, Leopold Steurer e Martha Verdorfer con una ricerca che ha affrontato il delicato tema del ritorno degli optanti in Alto Adige.


Gli incontri si terranno tutti su piattaforma Zoom alle ore 17.30, per partecipare sarà sufficiente collegarsi a questo link: https://us02web.zoom.us/j/86434135339.


Il link sarà attivo a partire dalle ore 17.15.L’iniziativa è realizzata con il patrocinio della Provincia autonoma di Trento, del Comune di Rovereto e della Fondazione Caritro.

Arci del Trentino, comitato provinciale viale degli Olmi, 24 – Trento. tel e fax 0461231300 aperto dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 17. www.arcideltrentino.it – trento@arci.it