Questo sito utilizza i cookies per consentirti la migliore navigazione. Il sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookies.
Se si continua a navigare sul presente sito, si accetta il nostro utilizzo dei cookies. Clicca qui per visualizzare l’informativa allegata.

Accetta
... è democrazia

“salvare l’associazionismo per rafforzare la coesione sociale”

Gentile Ministro,

sappiamo che la delega che è chiamato a ricoprire, oltre alle importanti politiche sul lavoro, riguarda anche le politiche sociali e il Terzo Settore.

Le scriviamo per sottolinearLe la situazione di grandissima difficoltà in cui si trovano i nostri circoli, la nostra associazione tutta che, a un anno dall’inizio della pandemia,  continua ad essere uno dei settori più colpiti dalla crisi legata all’emergenza sanitaria. Uno dei settori più dimenticati, nonostante le dichiarazioni di solidarietà e sostegno di alcune forze politiche.


Qualcosa però potrebbe cambiare. Il nuovo governo ha infatti individuato tra i suoi principali obiettivi il rafforzamento della coesione sociale.

Se questo è l’obiettivo non ci si può ancora una volta dimenticare dell’associazionismo diffuso: è arrivato il momento di far ripartire le attività e il lavoro dei circoli, riconoscendo pienamente il loro ruolo, la centralità della socialità e della cultura come strumenti indispensabili per reagire alla pandemia e all’acuirsi delle disuguaglianze causato dalla crisi sanitaria, economica e sociale che stiamo attraversando.

Una crisi senza precedenti anche per l’associazionismo, per l’Arci e i suoi 4 mila circoli in tutta Italia, con le sedi chiuse da mesi, le attività in gran parte ferme, le entrate bloccate, gli affitti e le utenze da pagare.

Si tratta per noi di una situazione diventata insostenibile e nella quale è impossibile immaginare un futuro.


In questi mesi oltre il 40% del personale Arci sul territorio ha usufruito della Cassa integrazione straordinaria, un provvedimento che ci auguriamo venga rinnovato.

I Ristori, previsti nel decreto bis e comunque insufficienti, non sono ancora arrivati.

Servirebbero invece strumenti economici adeguati per poter riprendere il nostro lavoro e le nostre attività in sicurezza.
Per questo torniamo a ribadire l’urgenza della riapertura dei nostri circoli e della ripresa delle attività di tutti gli spazi culturali, artistici e sociali, così come avviene nelle stesse aree geografiche per attività analoghe.

In questi mesi, nonostante la gravissima crisi, i circoli hanno trovato nuovi modi per continuare ad essere vicini alle comunità e alle persone, soprattutto quelle a maggior rischio di esclusione sociale.

Dalla distribuzione di aiuti alimentari e sanitari fino alla decisione di mettere a disposizione i circoli Arci per la campagna di somministrazione dei tamponi e dei vaccini.

Crediamo nel nostro ruolo di utilità sociale, ancora più indispensabile in questo momento storico, per costruire un futuro inclusivo e solidale. Dove cultura e relazioni contribuiscono al benessere dei singoli e delle collettività.


Per questo chiediamo a Lei, per la delega che ricopre, e all’attuale Governo di prendere provvedimenti che facciano sì che non si disperda un patrimonio importante come quello rappresentato dall’associazionismo di promozione culturale e sociale, ma siano in grado di sostenerlo e valorizzarlo in nome dell’interesse generale e del rafforzamento di quella coesione sociale indicata come uno dei principali obiettivi dell’esecutivo.

 

 




Arci del Trentino, comitato provinciale | Viale degli Olmi, 24 – Trento. tel e fax 0461231300
aperto dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12.00 e dalle 14.30 alle 17.
www.arcideltrentino.it – trento@arci.it